giovedì 5 gennaio 2012

Attenzione: post panzuto!

Anno nuovo, argomento nuovo :)
Mari Pintau - 2 gennaio 2012
... e fissiamola, sta vitamina D!

Innanzitutto auspico per tutte voi un anno gratificante e finalmente vi scrivo solo e soltanto di panza.
Ve lo scrivo all'inizio, così le non interessate possono andare oltre :)

Vado a ruota libera, perchè ci sarebbero talmente tante cose da dire che dargli un criterio nell'esposizione sarebbe un lavoraccio... e indovinate? NON NE HO VOGLIA :D

A che punto sono? Quanto manca?
Sto per finire il settimo mese, quindi mancano poco più di 2 mesi alla DPP (data prevista del parto).
Come stiamo?
Io e Chicco stiamo bene.
Io ho una gravidanza "da manuale", che non vuol dire che sono una WonderGravida (quelle che sembrano aver ricevuto i super poteri), ma che ho molti dei tipici sintomi mese per mese, certi libri sembra li abbiano scritti spiandomi...
Nella gravidanza da manuale, purtroppo, rientra una leggera anemia (che dagli esiti delle analisi ritirati oggi sembra essere rientrata), acidità di stomaco, leggera cistite che fa andare in bagno ventimila volte al giorno.
Chicco, per ora, sembra crescere piuttosto bene, stando alla prima ecografia di accrescimento fatta ieri.
E' nella fase che io definirei centrifuga, ovvero ho l'impressione che faccia letteralmente le capriole e devo dire che è una gran bella sensazione, perchè ancora non mi ha fatto male ficcandomi i talloni nei fianchi... tra qualche settimana lo temo...
I momenti che preferisce sono quelli in cui io sto ferma, quindi come mi rilasso in poltrona o mi sdraio, inizia le danze. A quel punto vorrei farlo vedere/sentire al padre/parente/amico, ma esiste una legge di Murphy specifica per questa circostanza:

nel momento stesso che la madre fa qualsiasi cosa per attirare l'attenzione sul chachacha in atto nel suo ventre, il ballerino percepisce e si blocca.

Il più delle volte, se si ripristinano le condizioni iniziali, riprende dopo un paio di minuti... ma questo tempo sembra un'eternità per chiunque voglia sentire i movimenti, dopo soli 3 secondi ti guardano e ti chiedono "Ma non si muove più?" e li a spiegare che ci vuole pazienza, che il calore/movimento della mano poggiata, come il mio parlare, lo fanno bloccare, che ci vuole un pò di pazienza... dopo altri 3 secondi si stufano e se ne vanno.
Sto cominciando a scocciarmi, adesso fulmino il primo che mi si avvicina alla pancia con la mano tesa :)
Sto lavorando?
No, dai primi di ottobre sono a casa in gravidanza a rischio, più per precauzione che per patologie oggettive.
Il mio lavorare 9h seduta, senza possibilità di cambiare mansioni o avere spazi in cui potermi muovere (grazie alle condizioni da denuncia del mio ufficio), sono poco idonei ad una gravidanza sana e quando la ginecologa mi ha trovato l'utero molto irrigidito e le ho detto che a fine giornata percepivo delle contrazioni, mi ha spedito a casa di corsa.
Mi sarebbe piaciuto lavorare fino alla fine, ma viste le condizioni di lavoro e la mia reazione, l'avrei fatto solo con una riduzione d'orario di almeno 2h al giorno.
Il nostro sistema sanitario non prevede forme intermedie, o tutto o niente quindi, abbiate pazienza, dovendo scegliere fra rischiare la salute mia e di mio figlio e starmene a casa, ho scelto quest'ultima.
Sono ingrassata molto? Sto controllando l'alimentazione? Sto facendo attività fisica?
Dalla prima visita fatta a 6settimane, ho preso 7kg. Considerato che mi mancano i 2 mesi più tosti da questo punto di vista, credo che starò comunque negli 11/12 kg raccomandati per il mio peso di partenza.
Per quanto riguarda l'alimentazione, non mi sto controllando nel senso che mangio un pò tutto quello che mi va, cercando di bilanciare gli sgarri e compensando le mie carenze (ferro, ecc.), ma è anche vero che non ho registrato una impennata nell'appetito.
Per quanto riguarda l'attività fisica, avevo grandi progetti di camminate quotidiane una volta a casa dal lavoro, ma purtroppo ha fatto un tempaccio quasi ininterrotto, quindi le mie passeggiate sono state prevalentemente quelle necessarie alle commissioni, più che di mero piacere... ma almeno ho camminato mezz'oretta al giorno con regolarità.
Ora, visto anche il clima, sto seriamente valutando di andare a farmi il corso gestanti in piscina (ho fatto nuoto per anni, tempo fa), almeno 1 volta alla settimana.
Che stato d'animo ho?
Io e mio marito non vediamo l'ora che Chicco nasca.
Io ho giustamente il timore del parto, per noi donne è un evento troppo importante, prima del quale è difficile riuscire a concentrarsi sul dopo, pur sapendo che proprio il dopo sarà la vera prova del nove...
Però io ora mi sento solo incinta (e molto!), ma non ancora mamma.
E sono stufa di aspettare, voglio vedere e prendere e odorare e occuparmi del mio bambino!
Voglio viverla questa esperienza che ho desiderato e immaginato da tanto tempo, voglio mettermi alla prova, voglio arrivarci a quei momenti, belli o brutti, ma sicuramente sempre intensi, ma non per presunzione di cavarmela... ma perchè aspettare non è vivere, nel bene e nel male.
Non sono la classica donna con gli occhi a cuore che immagina la maternità una passeggiata, tutt'altro!
Per mia natura e per esperienze vicine, mi voglio preparare al peggio (senza esagerare, ovvio), inteso come prepararsi alle difficoltà senza illudersi di avere bambini angelici e il percorso tutto in discesa.
Ma sono altrettanto certa, e qui forse pecco di presunzione, che tirando le somme, non mi pentirò mai di questa scelta e quello che proverò per  e con un figlio non avrà confronti con niente al mondo, sarà qualcosa che segnerà la mia vita per sempre e io non ho paura dei cambiamenti, voglio andare avanti!
Bene, dopo questo sfogo di ormoni ed andorfine, vi lascio perchè il mio tempo seduta è finito, per "calci" di forza maggiore :)

A presto!
Giùanna