mercoledì 24 agosto 2011

2 cose che odio dei nostri tempi...

Attenzione
ennesimo post critico e polemico che potrebbe urtare la sensibilità di qualcuno.

Ma sapete quando vi tenete dentro un fastidio che cercate di dominare con la razionalità e la diplomazia... ma arriva un momento che lo dovete sfogare, pena la decapitazione del prossimo povero innocente che tocca quel tasto dolente???
Ecco, provo a farlo qui per evitare di rompere amicizie lunghe una vita :)

Ci sono 2 cose che assolutamente hanno consumato la mia tolleranza da parecchi anni a questa parte.

UNO
La "moda" della passione per il vino, perchè quella che critico è una moda.
Tutti sommelier.
Bevitori di Tavernello e Ceppo Rosso incapaci di bere vino se non in mega calicioni che nel 90% dei casi sono estremamente scomodi...  ma scusate, deve ossigenare!
Si ossigenassero il cervello come fanno col vino, eviterebbero di ridursi in condizioni imbarazzanti al terzo bicchiere...
Perchè loro, sino agli anni novanta, si ubriacavano a super alcolici, ora fanno i fighetti col vino... come se uno che alza il gomito col calice di cristallo sia più chic :)
Non vi dico come reagiscono questi individui al mio "A me piace più la birra del vino"
Strabuzzando gli occhi (che per uno alticcio, richiede uno sforzo doppio rispetto ad uno sobrio) mi chiedono "Ma almeno, quelle artigianali?!?"
E io "Veramente no, la cara vecchia e classica birra bionda, non troppo amara, bella fresca..."
Scatta il sorrisetto di compassione, accompagnato dalla classica posa da fighetto con calice di vino che dice "Ah no, io amo il buon vino! L'ho sempre amato, è una passione per me!"
Vorrei registrarli e riproporgli se stessi fra altri 10 o 20 anni, quando tornerà di moda il rosolio e gli "avinazzati" come loro saranno terribilmente OUT...

DUE
La "moda" della fotografia professional-artistica.
Tutti hanno macchine fotografiche professionali.
Tutti hanno fatto almeno un corso di fotografia, o studiato tecniche da autodidatti.
E fin qui, nulla da dire.
E' l'autocompiacimento che scatta nel bombardare chiunque gli stia intorno dei loro millemila scatti, che mi urta.
Un tempo le foto, quelle tradizionali, si facevano per se stessi, per la propria famiglia, per lasciare traccia di un momento, bello o brutto, per il futuro.
Ora il consumo è immediato, il concetto di futuro è più prossimo a "1 giorno dopo" che a mesi o anni che si aveva un tempo.
Il voler pubblicare se stessi, quasi sempre con un effetto patinato da rivista, e voler sempre dare quell'immagine di se.
Far sapere a tutti "quanto sono bravo" e "l'artista che non sapevate fosse in me".
Peccato che spessissimo queste foto si assomiglino tutte, in angolazioni ed effetti, il classico gioco di fuochi e paff! la fabbrica di foto fighette sforna un altro "capolavoro".
Urge una precisazione: il ricercare una qualità migliore nelle foto è assolutamente condivisibile, e sull'utilizzo che si fa del risultato che troppo spesso ho da ridire.
La ciliegina sulla torta è quando qualcuno di questi "professionisti" si lancia in consigli amorevoli nelle rare occasioni in cui ti capita di mostrargli un paio di normalissime foto tue, di quelle che facciamo noi poveri coglioni senza ne arte ne parte! (scusate, ma quando ce vò!)
E vogliamo parlare dell'isolamento in cui spesso si rinchiudono "gli artisti" quando si sta tutti assieme?
Perchè solo i VERI professionisti riescono a tirar su la macchina e farti lo scatto giusto, loro passano buona metà del tempo a  frugare quei mega obbiettivi, perdendosi momenti UMANI unici e il contatto con gli altri...

Ecco, Giovanna non ne può più di queste 2 categorie.
E se qualcuno di voi ci rientra, non ditemelo, ed arrabbiatevi con le decine di vostri predecessori che mi hanno portato a non sopportarvi :P

Un giorno vi spiegherò il perchè di questi sfoghi... ve lo devo!

Avanti, apriamo questo dibattito, sono pronta :)

Giovanna esasperata

25 commenti:

le esose ha detto...

buahauhauahuahauha come ti capisco! XD
la parte del vino l'hai resa da dio, io forse verrei addirittura trattata come la figlia della serva visto che non mi piacciono nè birra nè TANTOMENO vino, ma mando giù con disinvoltura e gioia un sex on the beach ogni tanto.
Per quella sulla fotografia hai avuto ancora di + il mio appoggio, soprattutto dopo un episodio che mi è successo poco tempo fa. Una mi si è presentata come artista fotografa e guardando le sue foto ho visto solo i classici prototipi di foto che trovi sui vari myspace, facebook e compagnia bella. Poi magari sono tutti artisti e io non capisco eh... non si sa mai ù.ù

*L*

Hermione ha detto...

Ahahahaahah, mi hai fatto morire! :D
Allora, a me il vino piace e la birra no (ma proprio no, no e no), ma negli anni novanta ero astemia e non ti dico cosa mi hanno fatto passare quelli che si ubriacavano a super alcolici, ovvero gli attuali fighetti avvinazzati... la scena mi si è riproposta pari pari davanti agli occhi leggendo di quando dici che preferisci la birra!
(E vogliamo parlare della moda del tè in tutte le salse e i condimenti? Figurati la faccia che fanno i fighetti della tisana quando spiattello loro in faccia che a me piace il Lipton in bustine... embè, si, che ci posso fare? :D )

LaDamaBianca ha detto...

Giovanna io sono astemia...sai cosa mi dicono? che non mi godo la vita e non lo fanno solo i grandi amanti del vino, ma anche coloro che non riescono a stare un giorno senza aver fatto l'aperitivo alcolico dell 5 o via dicendo.
Mi guardano allucinati come fossi un'aliena. Ormai ci ho fatto il callo, eppure provo ancora questa sensazione di fastidio per il fatto di amare una cosa e guardar male chi non condivide.

Yuko ha detto...

Ciao Giovanna ,ti seguo da molto ma è la prima volta che scrivo sul tuo blog.
Parole sante quelle che hai scritto.Io poi sono astemia per birra e vino ma non disdegno superalcoolici.
Quello che mi da più fastidio sono le persone che stanno sempre con la reflex in mano a fare foto a qualsiasi cosa o a farsi fare foto spacciandole,come hai giustamente detto,per "artistiche".Ma artistiche dove?Sono pochissimi i blog o siti dove vedo belle foto. Mah!

Misato-san ha detto...

lol XD io vorrei i retroscena ^_^
sul punto 1, a me spesso guardano modello lebbrosa perche' sono astemia e proud to be.
Non per snobbismo o altro, semplicemente per me gli alcolici puzzano e quindi non riesco a berne.
(stessa cosa pure il chinotto per dire eh XD)
Avro' il diritto ad un gusto personale? Nel momento in cui non scasso a terzi perche' a me non piacciono mi piacerebbe avere un trattamento analogo...

Manuki ha detto...

ahahahah!
Anche io voglio i retroscena!!!

Per quanto riguarda il vino ho cominciato ad apprezzarlo da pochi anni e la birra da meno di 2 (con quella artigianale che ti sta tanto sulle palle). Prima ero astemia. Perchè proprio il gusto del tavernello o della birra pastorizzata mi fa schifo....
Però non rompo certo gli altri perchè fino a qualche anno fa ero io quella a ci dicevano "ma l'acqua fa male, ti arrugginisci!"

Per la fotografia, come sai a me piace molto... ma non tedio nessuno di solito... anzi mi cazziano parecchio perchè salvo rare occasioni non faccio mai vedere la maggior parte degli scatti ( sono un filino ipercritica...) quindi sei salva!

Giovanna ha detto...

@le esose: che sollievo, ma allora sono in compagnia :)
Che poi siamo noi a non capire gli artisti, probabile... però la mia idea di artista non è quella di uno che ti perseguita con le sue "opere" :P

@Hermione: conosco anche i siparietti per gli astemi, avendone sposato uno :) Ora, cala un UOMO ASTEMIO nel contesto di oggi... e capisci al volo di sicuro!

Giovanna ha detto...

@LaDamaBianca: hai tutta la mia comprensione, da moglie di astemio :)
Diciamo che sono comportamenti molto fastidiosi che si associano a persone immature (non ne faccio un discorso di età, perchè purtroppo non è garanzia di "sale in zucca"), ma seguire così ciecamente le mode porta a ghetizzare chi non lo fa, seguendo semplicemente i propri gusti...

@Yuko: ciao e sono felice di averti stimolata a scrivere, vuol dire che l'argomento è caldo non solo per me :P
Sul discorso blogger e foto artistiche non mi pronuncio, per ora... meglio che dosi il veleno in più step :P
E' che io ho reazioni istintive, che preferisco razionalizzare, perchè non sempre sono corrette ed è giusto che ci pensi su prima di sottoporvi le mie polemiche :P

Giovanna ha detto...

@Misato-san: in realtà non ci sono degli aneddoti, ma altre cause che mi portano a sfogarmi... Misato curiosa :D
Hai perfettamente centrato il punto: tutti noi abbiamo i nostri gusti, a prescindere dalle mode, che vanno rispettati esattamente come rispettiamo quelli degli altri... c'è davvero bisogno di dirlo, al giorno d'oggi?!? Pare di si :(

@Manuki: pfiuuuuu, ho temuto di perderti :D
Il succo di tutto questo discorso, come hai capito benissimo, è proprio l'atteggiamento verso chi non segue la moda, che sia del vino o della fotografia, che non vuol dire che ora chi si appassiona all'uno o all'altro lo stia facendo necessariamente per questo... fossero tutti discreti come te, non avrei mai scritto questo post!

La Bisbetica ha detto...

Divertente e sarcastica come sempre!

Più che la moda del vino, io non sopporto lo snobismo che la accompagna. Capisco che una moda possa far appassionare ad una cultura che prima non si conosceva. Ma perché cultura deve sempre fare rima con snobismo? Se ami qualcosa vorresti far avvicinare le altre persone, non intimidirle con un atteggiamento da puzza sotto il naso. E soprattutto non dovrebbero mai mancare rispetto e tolleranza per chi la pensa diversamente. E non solo in campo eno-gastronomico.

Più che di moda di fotografia professional-artistica, direi moda di comprarsi la reflex e inondare blog e social network di foto che, nel 99% dei casi, sono i soliti autoscatti truzzi. E se non scrivessero che hanno una reflex non lo direbbe nessuno, visto quanto sono usate male.

Beauty Tools ha detto...

Comare!
Leggo questo post proprio dopo aver assistito all'ennesima scena disgustosa...proprio ieri ero al ristorante messicano, di fronte a me una tavolata di fighetti e strafighe...si alza una ragazza per fare delle foto e sfodera 'sto fucile di macchina fotografica + pesante di lei (lei anche magra...e perciò aggiungo bastarda!)...ora dico fra me e me...ma c'era Oliviero Toscani nei paraggi e non me ne sono accorta?? E basta sfoderare questi arnesi diabolici con un teleobiettivo che avrebbe preso anche l'Asinara!!!! E basta con lo scioro (sfoggio)!
Per i "vinologi" improvvisati devo darti assolutamente ragione...+ che calici si fanno ondeggiare dei VASI tra le mani...perchè io ci credo poco che questo bicchiere mi rende la degustazione + piacevole! Ma che hai 'na malformazione al palato!?!? E poi tutti con questo decanter in casa...tutti con il termometro per la temperatura del vino...tutti con la cantinetta in cucina....ma vuoi mettere una bella degustazione di un bel bicchiere di cocacola fresco quando a Cagliari le gocce di sudore sul tuo viso, fanno a gara per raggiungere il petto?!??! Non ha prezzo!!!

Beauty Tools ha detto...

Ovviamente non me ne vogliano le persone intelligenti appassionate di fotografia che stimo profondamente, visto che si tratta di un hobby che mi piace. Ciò su cui volevo polemizzare è che, come diceva Giovanna, ci sono troppe mode e spesso sono seguite da persone che non sono assolutamente portate o che fanno "show".
PS: se volete foto dell'Asinara con un obbiettivo su un treppiedi montato a Cagliari fatemi sapere...rintraccio la stangona.
Che poi...serve proprio tanto un super obiettivo per fare le foto ad una tavolata!!! oi oi oi

Takiko ha detto...

Pure io astemia, e pure io ogni volta che lo dico vengo guardata con un pizzico di pietà, tanto che negli ultimi tempi la mia risposta pronta è sempre "stai sereno, vivo bene e non è una cosa contagiosa" U__U

Giovanna ha detto...

@La Bisbetica: hai espresso in modo pacato e lineare quello che intendevo io, anche se in preda ad un attacco di orticaria :D
Sarai il mio riferimento diplomatico, d'ora in avanti :P

@BeautyTools: mi fai morire, i tuoi racconti mi mancavano, comare!
Tra l'altro, a proposito di decanter, molti di questi "esperti" lo mettono a tavola, ma non va assolutamente messo, parola di Cortesie per gli ospiti.
Ad ogni modo, è bello leggere che siete in tante a pensarla grossomodo come me, mi sento meno sola... e meno str*nza :P

@Takiko: bravissima, bisogna giocare di contropiede, e con persone così prevedibili è pure facile ;)

Marguerite N. ha detto...

Questi due esempi li sento particolarmente vicini, soprattutto quando ho letto quello sul vino m'ha fatto sentire una stretta al cuore.
Mio padre è un appassionato di vini, un grande estimatore che ha sempre messo a tavola il vino più umile, ma quello con l'uva buona, fatto personalmente da lui per passione. Ed io sono cresciuta così, con i piedi affondati nei tini e a tempo di musica che manco mi dovevano tirare dal pancione di mamma'. Sono cresciuta con i sapori di una volta, con l'orticello appena coltivato e i frutti in fiore, con il desiderio di mettermi sotto un alberello, un bicchiere di vino e un pezzo di formaggio. E sul serio sono così e ne sono assolutamente fiera. Ringrazio ogni giorno i miei genitori per avermi cresciuta con dei valori. E da qui ho fatto corsi di degustazione, ho lavorato come "camerera" nelle vinerie per farmi una cultura, ma non per ostentarla, che anche se fosse almeno qualcosa la so, ma per condividerla. Perché il vino unisce, non separa, così come il cibo. E invece 'sti 4 deficienti che vogliono fare gli altolocati e che non capiscono la maggior parte delle volte NIENTE giocano a fare i grandi esperti, come se fosse quello il gusto di assaporare un bicchiere di vino rosso.
Va da sé che chi non beve pensa che non ci sia poi tutto questo gusto nel bere una bottiglia di vino in compagnia. Mi dispiace per questi ultimi nel dover assistere a tutto questo, mentre i primi li compatisco, perché non sanno cosa si cela in quel "liquido" che smuovono a caso, e come disse un certo Boileau: si è sapienti quando si beve bene: chi non sa bere, non sa nulla.

Sul discorso fotografia mi reputo fortunata. Un anno fa non sapevo fare nulla, adesso mi organizzo con un amico che viene da Ravenna con una grande passione per la fotografia e giriamo per luoghi sconosciuti a scattare qualche foto.
A me non dà fastidio se c'è chi scatta a destra e manca se è questo ciò che gli piace, insomma chi sarei io per giudicare? E' che non condivido anche qui la saccenza, intesa come una conoscenza che non gli è propria e che ostentano. La verità è che oggi non è solo il vino o la fotografia, è in tutto così. Tutti sanno fare tutto, quando in realtà è il contrario. Ed è tutto facile perché se non riesci compri la reflex e allora sei fotografo. O ancora leggi il manuale e allora sei fotografo. Non sia mai che magari compri una qualsiasi macchina fotografica scrausa e PRIMA impari con quella e POI se ti piace puoi arrivare a spendere 1000 euro. Perché vuoi sapere cosa mi fa incazzare come una iena ridens? L'ignoranza. Quelli che non sanno manco cos'è l'effetto boket, ma è di moda, e allora comprano la reflex solo per quello e poi però usano la reflex alla stregua di una compatta. E' lo schiaffo alla miseria che mi fa girare le palle. Hai speso 1000 euro e chiedi a me come ottenere l'effetto boket? Ma va' a ciapa' i ratt'.

Un bacione Gio'!

Giovanna ha detto...

@Marguerite: ma ciao e bentornata :)
Ecco, già come hai nominato tuo padre mi è venuto il flash di mio zio, stessa passione e produzione, e i suoi rituali, gli odori, ecc. che ovviamente sono ricordi piacevolissimi!
Ma pur nell'irritazione, è proprio usando la parola "MODA" che ho voluto distinguere quella che è una passione vera, che dura nel tempo, da quello che è un puro pavoneggiamento, spero si sia capito!
Chissà, forse se fossi stata figlia di mio zio e non di mio padre, che non ho più da 20anni e il suo dito di birra (meglio dire schiuma) concessomi di nascosto da mia madre... sarei certo una appassionata di vino :)
Per quanto riguarda il fastidio a cui mi riferivo quando parlavo di chi scatta a destra e a manca per ore, è solo quando superano il limite, ti faccio un esempio: ci vediamo 3 volte l'anno, vuoi condividere 2 chiacchiere con me o vuoi continuare ad immortalarmi incazzata??? :P
Avrai mille occasioni per sfogare la tua passione, ma se questa va a cozzare col desiderio di stare assieme... per me c'è qualcosa che non va...
Poi vabbè, l'"INNNNIORANZA" anche secondo me è la regina di tutti i mali :(
Chettelodicoafare?!?

Marguerite N. ha detto...

Ma io ti ho capita eh. ;)

No, guarda quelli stile giapponese che stanno a scattare 100 foto sono sempre esistiti e sono una brutta razza. xD
Più che altro oggi impazza anche la moda di Facebook per cui ogni qualvolta vado in un locale c'è il classico fotografo che mette le foto su internet. E' vero, mettono l'avviso che possono finire su internet, ma dove sta scritto? Ma perché? Ma dico io ma la privacy non esiste più? E una volta ho anche litigato con una tizia che non conoscevo e che aveva messo foto mie nel suo profilo perché nel locale dove eravamo state faceva foto de qua e de là. Ecco allora diciamo che 'ste benedette reflex/compatte le farei cordialmente volare fuoi dalla finestra. :)

Scusa, da una cosa si passa all'altra ahah.

Bacio! :D

Daniela Gì ha detto...

A me stanno sulle balls quelli che ti ammorbano con il resoconto video e fotografico delle loro vacanze... quelli che ti invitano a casa apposta per propinarti tutto il repertorio di rocce, paesaggi, statue, palazzi ed espressioni dementi, mille scatti tutti identici ma fortemente artistici xD
Io non sono "profescional", ho una compattina economica ma che mi da soddisfazioni, scatto le foto che mi piacciono e me le tengo per me, annoio solo me stessa nel riguardarle e ho il buon gusto di non metterle nemmenoo su facebook :D
Per quanto riguarda il vino... anch'io mi definisco astemia perché non lo bevo, al massimo assaggio se sono in compagnia però ne avrei di aneddoti xD
Che cosa tenera quella della birra *_* Mi hai ricordato quando da bambina chiedevo a mio papà di assaggiare dal suo bicchiere promettendo di bere solo la schiuma e poi mi facevo un bel sorso LOL

marymakeup ha detto...

Cara Gio, sono contenta per te che hai solo due categorie che non sopporti hahahahaha Io ne ho molte di più e se pubblico un post che tengo nel cassetto da diverso tempo te ne accorgerai.
In merito al tuo bellissimo post ti dico che:
1) anche io amo la birra e gli inteditori di vino mi fanno ridere;
2) oggi sono tutti fotografi...solo quelli che dovrebbero esserlo (come quelli che frequento io per lavoro) non lo sono, ti farei vedere che foto hanno il coraggio di farmi vedere :(
Un abbraccio x

Giovanna ha detto...

@Daniela: ohi Dani, come avrai capito i miei tempi di risposta si sono leggermente dilatati :)
Sulle sessioni di foto ammorbanti, sarà che se mi annoio non riesco a camuffarlo più di tanto, non casco da parecchio tempo e di mio, non faccio vedere mezza foto se non mi viene richiesto...
Per quelle occasioni in cui c'è molto materiale da vedere (tipo matrimoni, viaggi di nozze o lunghi in generale) ho imparato a impormi montaggi che non superino mai la mezz'ora, che ti costringe a fare pulizia di scatti inutili e tirar fuori davvero il meglio e l'interessante (per gli altri) da ogni esperienza... devo dire che costa fatica, ma funziona! La gente se ne esce sognante e per niente impallata ;)
Eh, il dito di birra è uno dei tanti bei che ho di mio padre, oggi lo denuncerebbero al telefono azzurro!

Giovanna ha detto...

@marymakeup: beh, ma anche io ne ho di più, queste due sono solo quelle che rischiano il linciaggio :D
Sugli intenditori di vino, specifichiamo quelli fasulli e superficiali, oltre che esibizionisti e spesso poco rispettosi... che purtroppo sono tanti, anche perchè quelli veri sono molto più discreti, difficile saltino fuori ;)
La tua esperienza coi fotografi mi conferma quello che a me è successo quando ho comprato casa: possibile che ne capisca più io del geometra che l'ha progettata... pur non essendolo? Ohi Ohi, come direbbe mia mamma :P

marymakeup ha detto...

Gio ci manchi, dove sei?

Giovanna ha detto...

@marymakeup: ci sono, anche se non ho tempo/voglia di scrivere post :)
Testa molto per aria per tanti motivi, ma tranquille, prevedo di tornare in tempi relativamente brevi...
Grazie del pensiero, comunque!

Claudia - Yves Rocher Cosmetique Végétale ha detto...

Bellissimo blog! Molto interessante! Passa anche dal mio a dare un'occhiata! :)
http://diffondilatuaessenza.blogspot.com

India Pharmacy ha detto...

Ma sapete quando vi tenete dentro un fastidio che cercate di dominare con la razionalità e la diplomazia... ma arriva un momento che lo dovete sfogare, pena la decapitazione del prossimo povero innocente che tocca quel tasto dolente???

Posta un commento